Trasparenza dei dati del Servizio Rifiuti - ARERA 444/2019

Trasparenza dei dati del Servizio Integrato di Gestione dei Rifiuti – ARERA 444/2019

Arera – Delibera 444/2019/R/rif, aggiornata alle disposizioni contenute nella delibera 59/2020/R/com

Disposizioni per la Trasparenza dei dati del Servizio Integrato di Gestione dei Rifiuti urbani e assimilati
Approvazione del Testo integrato in tema di trasparenza nel servizio di gestione dei rifiuti per il periodo 1° Luglio 2020 – 31 Dicembre 2023.
Iniziative volte a rafforzare la consapevolezza del consumatore e la trasparenza dei dati per una migliore valutazione del servizio

 

Con la Delibera 444/2019 e il TITR l’Autorità ha individuato gli “elementi informativi minimi” che devono essere garantiti a tutti gli utenti del Servizio Integrato dei rifiuti urbani, cioè a tutte le utenze, domestiche e non domestiche tenute al pagamento della TARI.
I nuovi obblighi vanno applicati dal 1° Luglio al 31 Dicembre 2023 (Art. 2) a tutti i soggetti affidatari del servizio (chi effettua servizi ricompresi nel Piano Economico Finanziario), inclusi i Comuni che gestiscono, in tutto o in parte, il servizio in economia.
Se pur in via sperimentale per tutto il 2020 ,  la tempistica effettiva di avvio varia in base alla dimensione demografica dei Comuni.

  1. Applicazione dal 1° Luglio 2020 – Per tutti i gestori del servizio integrato che operano in territori con popolazione residente superiore a 5000 abitanti
  2. Applicazione dal 1° Gennaio 2021 – Gestori del servizio integrato o dei singoli servizi di raccolta e trasporto e/o di spazzamento e lavaggio delle strade, compresi i comuni, che operano in territori con popolazione residente non superiore a 5000 abitanti
  3. Applicazione dal 1° Gennaio 2021 – Gestori delle attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, compreso i Comuni, che operano in territori con popolazione residente non superiore a 5000 abitanti

 

Gli strumenti per raggiungere gli utenti saranno il sito internet del gestore del servizio integrato dei rifiuti e i documenti di riscossione (avviso di pagamento, fattura).
La comunicazioni definite “di rilievo” devono essere inviate almeno 30 giorni prima agli utenti interessati anche in modo individuale.

Dal punto di vista operativo (Art. 3) i gestori sono tenuti a predisporre ed a mantenere aggiornata un’apposita sezione del proprio sito internet, facilmente accessibile dalla home page, che presenti almeno i seguenti contenuti informativi, organizzati in modo tale da favorire la chiara identificazione da parte degli utenti:

  • ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero del gestore che effettua le attività di gestione tariffe e rapporti con gli utenti, del gestore della raccolta e trasporto e del gestore dello spazzamento e lavaggio delle strade, qualora tali attività siano effettuate da soggetti distinti;
  • recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, segnalazione di disservizi e reclami nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti;
  • modulistica per l’invio di reclami, liberamente accessibile e scaricabile;
  • calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non è effettuabile una programmazione; – 7 –
  • informazioni in merito a eventuali campagne straordinarie di raccolta dei rifiuti urbani e a nuove aperture o chiusure di centri di raccolta;
  • istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani al servizio di raccolta e trasporto;
  • Carta della qualità del servizio vigente, liberamente scaricabile;
  • percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello in corso, calcolata come indicato all’Articolo 10, commi 10.1 e 10.2;
  • calendario e orari di effettuazione del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade oppure, ove il servizio medesimo non sia oggetto di programmazione, frequenza di effettuazione del servizio nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta;
  • regole di calcolo della tariffa, con indicazione in forma fruibile per gli utenti, anche attraverso esempi, delle variabili su cui si basa il calcolo della quota fissa e della quota variabile, delle riduzioni applicabili agli utenti domestici e non domestici, dei meccanismi di conguaglio, delle imposte applicabili;
  • informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste;
  • estremi degli atti di approvazione della tariffa per l’anno in corso con riferimento all’ambito o ai comuni serviti;
  • regolamento TARI o regolamento per l’applicazione di una tariffa di natura corrispettiva emanato ai sensi dell’articolo 1, comma 668, della legge n. 147/13;
  • modalità di pagamento ammesse con esplicita evidenza di eventuali modalità di pagamento gratuite;
  • scadenze per il pagamento della tariffa riferita all’anno in corso;
  • informazioni rilevanti per il caso di ritardato od omesso pagamento, ivi inclusa l’indicazione, per quanto applicabile, del tasso di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto;
  • procedura/e per la segnalazione di errori nella determinazione degli importi addebitati, e di errori e/o variazioni nei dati relativi all’utente o alle caratteristiche dell’utenza rilevanti ai fini della commisurazione della tariffa, con relativa modulistica, ivi inclusi i moduli per la richiesta di rimborsi, liberamente accessibile e scaricabile; – 8 –
  • indicazione della possibilità di ricezione dei documenti di riscossione in formato elettronico nonché della relativa procedura di attivazione;
  • eventuali comunicazioni agli utenti da parte dell’Autorità relative a rilevanti interventi di modifica del quadro regolatorio o altre comunicazioni di carattere generale destinate agli utenti; in tali casi il testo della comunicazione viene reso noto al gestore tramite il sito internet dell’Autorità e deve essere pubblicato sul sito internet dei soggetti di cui al precedente comma 2.2 entro 30 (trenta) giorni solari dalla pubblicazione sul sito internet dell’Autorità

 

 

Gli elementi da fornire invece tramite i documenti di riscossione e quindi attraverso la nuova Bolletta Rifiuti, devono riportare in modo chiaro e comprensibile informazioni di carattere generale, sugli importi addebitati, sulle modalità di pagamento, sul servizio e sui risultati ambientali ottenuti.
Il Documento inoltre deve contenere specifiche indicazioni che consentano agli utenti di optare per la sua ricezione in formato elettronico, con la relativa procedura di attivazione. (Art. 4)

Informazioni generali nei documenti di riscossione (Art. 5)

  1. indicazione del servizio a cui si riferisce l’importo addebitato;
  2. dati identificativi dell’utente, tra i quali cognome, nome e codice fiscale o denominazione societaria e partita IVA, nonché il codice univoco identificativo dell’utente;
  3. dati caratterizzanti ciascuna delle utenze a cui si riferisce l’importo addebitato, ove i medesimi siano necessari ai fini della commisurazione della tariffa:
    • indirizzo e codice utenza;
    • superficie assoggettabile, espressa in metri quadrati;
    • dati catastali, ove disponibili;
    • categoria di utenza;
    • nel caso di utenza domestica, numero di occupanti dell’immobile;
    • ove la tariffa sia commisurata alla quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani, indicazione di tali quantità, con riferimento alla/e frazione/i soggetta/e a misurazione ai fini della commisurazione della tariffa;
  4. indirizzo internet e/o recapito telefonico e/o indirizzo dello sportello fisico presso cui reperire la procedura per l’eventuale comunicazione di errori o variazioni nei dati di cui alle lettere b) e c) del presente comma;
  5. periodo di riferimento del documento di riscossione; nel caso di variazioni in corso d’anno dei dati di cui alla lettera c) del presente comma è indicata la decorrenza delle medesime dando evidenza degli importi dovuti per l’erogazione del servizio;
  6. recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, di reclami e/o di richieste di rettifica relativi all’importo addebitato e al pagamento nonché, ove presenti, recapiti e orari degli sportelli fisici per l’assistenza agli utenti.

 

 

Informazioni sugli importi addebitati nei documenti di riscossione (Art. 6)

  1. Importo complessivo addebitato, con riferimento a ogni singola utenza, ove applicabile, per il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero per l’attività di raccolta e trasporto e l’attività di spazzamento e lavaggio delle strade, qualora i servizi vengano fatturati distintamente, espresso in euro; nel caso di variazioni in corso d’anno dei dati di cui al comma 5.1, lettera c), dal punto ii) al punto v), il documento di riscossione indica distintamente gli importi relativi a ciascuna situazione dell’utenza nel periodo di riferimento del documento di riscossione;
  2. scadenza per il pagamento in un’unica soluzione;
  3. ove applicabile, importo, espresso in euro, di ciascuna delle rate in cui è effettuabile il pagamento ai sensi dell’Articolo 1, comma 688, della legge n. 147/13, con relativa scadenza;
  4. indicazione distinta degli importi, espressi in euro, relativi alla parte fissa e alla parte variabile della tariffa;
  5. in caso di applicazione di tariffa con misurazione puntuale delle quantità conferite, indicazione, ove rilevante, delle prestazioni incluse nel servizio minimo;
  6. importo, espresso in euro, e descrizione sintetica delle eventuali riduzioni applicate;
  7. importo, espresso in euro, degli eventuali conguagli relativi a periodi precedenti e indicazione della possibilità che l’importo addebitato con riferimento al periodo in corso sia rettificato a conguaglio;
  8. indicazione distinta degli importi, espressi in euro, relativi ad imposte, tributi o addizionali, nonché delle eventuali ulteriori componenti tariffarie diverse da quanto dovuto per il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, in coerenza con la normativa vigente;
  9. estremi degli atti di approvazione rilevanti con riferimento alla tariffa applicata o, in caso di conguagli, alle tariffe applicate;
  10. indicazione del sito internet e/o dei recapiti telefonici e/o dell’indirizzo degli sportelli fisici, ove presenti, presso cui è possibile reperire le informazioni per l’accesso alle eventuali riduzioni tariffarie accordate agli utenti in stato di disagio economico e sociale e la relativa procedura, ove le suddette riduzioni siano previste

 

Informazioni su modalità di pagamento nei documenti di riscossione (Art. 7)

  1. elenco delle modalità di pagamento ammesse, ivi compresa l’indicazione di tutti i dati del beneficiario necessari affinché l’utente possa effettuare il pagamento;
  2. situazione dei pagamenti precedenti, ove disponibile, ivi compresa l’indicazione degli importi eventualmente ancora dovuti e della scadenza degli stessi;
  3. ove risultino importi ancora dovuti, le procedure che si applicano in caso di ritardato od omesso pagamento, nonché le informazioni su eventuali tassi di interesse di mora e/o di penalità e/o sanzioni applicabili, nonché tutte le indicazioni utili affinché l’utente sia messo in condizione di procedere tempestivamente al pagamento dell’importo dovuto.

 

Informazioni su servizio e risultati ambientali nei documenti di riscossione

  1. ragione sociale del gestore che eroga il servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, ovvero il servizio di raccolta e trasporto e/o del gestore del servizio di spazzamento e lavaggio delle strade;
  2. recapiti telefonici, postali e di posta elettronica per l’invio di richieste di informazioni, la segnalazione di disservizi e l’invio di reclami da parte degli utenti, con riferimento al servizio di raccolta e trasporto e al servizio di spazzamento e lavaggio delle strade;
  3. recapiti e orari di apertura degli sportelli fisici (ove presenti) per l’assistenza agli utenti;
  4. indicazione del sito internet ove è disponibile la Carta della qualità del servizio e le altre informazioni di cui all’Articolo 3.

Il documento di riscossione o eventuali prospetti ad esso allegati riportano con cadenza almeno annuale le seguenti informazioni minime:

  1. calendario e orari vigenti relativi alla raccolta dei rifiuti urbani, con riferimento a tutte le modalità di raccolta a disposizione dell’utente, ivi inclusi i centri di raccolta e con esclusione delle eventuali modalità di raccolta per cui non fosse effettuabile una programmazione; in alternativa, indicazione del sito internet proprio o del gestore del servizio di raccolta e trasporto presso cui tali informazioni sono disponibili;
  2. calendario e orari di effettuazione dell’attività di spazzamento e lavaggio delle strade e, ove questa non sia oggetto di programmazione, informazioni relative alla frequenza di effettuazione nonché, in ogni caso, eventuali divieti relativi alla viabilità e alla sosta collegati con l’attività di spazzamento e lavaggio delle strade; in alternativa, indicazione del sito internet proprio o del gestore del servizio presso cui tutte le suddette informazioni sono disponibili;
  3. istruzioni per il corretto conferimento dei rifiuti urbani;
  4. percentuale di raccolta differenziata conseguita nel Comune o nell’ambito territoriale in cui è ubicata l’utenza, con riferimento ai tre anni solari precedenti a quello di emissione del documento di riscossione, calcolata come indicato all’Articolo 10, commi 10.1 e 10.2

 

 

Alleghiamo le fonti:
444/2019
59/2020
TITR

 

Per maggiori informazioni contattateci al 0932667555 o su [email protected]

 

button
Top

Iscriviti alla nostra newsletterTutte le novità sui Servizi Pubblici per l'Ambiente, gli adempimenti ARERA e le Innovazioni SIKUEL per Pubbliche Amministrazioni e Multi-Utilities.

Iscrivendoti alla nostra newsletter, confermi di aver accettato le condizioni indicate nella nostra Privacy Policy.

Iscrizione confermataGrazie per esserti iscritto alla nostra Newsletter. Riceverai una e-mail di conferma.